Siamo tornati! // We’re back!!

Dopo un lungo periodo di silenzio, vi diamo nuovamente il benvenuto su The Mars Volta Italia! Siamo riusciti a creare una nuova pagina per le news ma la veste grafica ci auguriamo sia provvisoria il più breve tempo possibile, stiamo lavorando al nuovo sito, intanto qui postiamo ora un lungo punto della situazione sull’attività dei Mars Volta e dintorni degli ultimi mesi e ci impegneremo nel postare news con costanza.
Buona lettura e, se volete, seguiteci attraverso forum o le nostre pagine su facebook, twitter, youtube, myspace, i link sono qui sopra
.

Dopo la pubblicazione di Octahedron nell’estate del 2009 (disco definito da Omar Rodriguez-Lopez “un fallimento”, in una recente intervista per IPaintMyind.org), la band è stata in tour fino a gennaio 2010. Come noto, da ottobre 2009, il batterista della band non è più Thomas Pridgen, il suo sostituto è Dave Elitch. Da allora non ci sono state comunicazioni ufficiali, si sa solo, tramite interviste, che il successore di Octahedron dovrebbe esser quasi pronto da tempo, mancherebbero solo le parti vocali di Cedric ma non è chiaro se questi sia già al lavoro. La band ha tenuto, inoltre, due concerti in Sud America lo scorso ottobre, aprendo gli show in Brasile e Cile dei Rage Against The Machine. Ci si aspettavano novità a livello di formazione, in particolare ci si aspettava un altro batterista, considerando che negli show wativi dell’Omar Rodriguez-Lopez e dei Vato Negro (di cui leggerete in seguito in questo articolo) dietro le pelli vi era Deantoni Parks dei Kudu, che già sostituì Blake Flaming nel 2006 per portare a termine il tour dei Mars Volta, prima di lasciare il posto a Pridgen. Invece, anche in Sud America alla batteria vi era Dave Elitch e si è registrata l’assenza alle tastiere, per la prima volta dal 2002, di Ikey Owens (le tastiere, per l’occasione, son state suonate da Marcel Rodriguez-Lopez): non è chiaro se Ikey sia ancora nella band, supponiamo tuttavia che la sua assenza sia solo momentanea e dovuta al concomitante tour dei suoi Free Moral Agents. I concerti in Sud America, comunque, parere di chi scrive, non sembrano essere stati esaltanti: il nostro amico Enrique che ha potuto vederli in Cile non ha espresso un parere positivo. Eccovi un video tratto dal concerto di San Paolo:

Di contro, i membri della band sono sembrati molto più in forma quando impegnati con progetti paralleli: in settembre, l’Omar Rodriguez-Lopez Group si è esibito in Giappone al Metamorphose Festival e ha esordito in USA con un mini tour di 4 date. Un tour europeo era annunciato per novembre/dicembre ma è stato cancellato per motivi familiari, si terranno solo tre date in Russia già previste a settembre e poi rinviate. Per questi concerti, la band ha suonato molto materiale ancora inedito. Ad accompagnare Omar, Ximena Sariñana Rivera alla voce, Juan Alderete al basso, Marcel Rodriguez-Lopez alle tastiere, Deantoni Parks alla batteria e Lars Stalfors (già roadie e tecnico di palco dei Mars Volta) al…Mac. La Rodriguez-Lopez Productions ha postato alcuni video del tour su youtube, eccone uno dallo show di Los Angeles del 14 settembre:

Ne trovate molti altri sul canale youtube di RefusedTV.

Sempre parlando di Omar Rodriguez-Lopez, la sua produzione solista quest’anno ha visto ancora molte nuove uscite e, a 2010 non ancora concluso, ecco quali dischi sono stati pubblicati da gennaio:
Ciencia De Los Inutiles, a nome El Trio De Omar Rodriguez-Lopez, con Ximena Sariñana e il contrabbassista Aaron Cruz, è un insolito disco “acustico”, qui sotto il video di Miercoles;

Omar Rodriguez-Lopez & John Frusciante, collaborazione tra i due chitarristi risalente al 2003, contiene i brani 0 e 0+2=2 già pubblicati nel 2005 su un 7″ in edizione limitata, parte della serie di 12 vinili 7″ celebrativi dei 12 anni della label Gold Standard Labs (r.i.p.);
Sepulcros De Miel, a nome Omar Rodriguez-Lopez Quartet, ancora Omar con John Frusciante più Juan Alderete e Marcel Rodriguez-Lopez, 8 pezzi strumentali, spiccano alcuni rimandi a Frances The Mute dei Mars Volta
Tychozorente, insolito disco con sonorità elettroniche, Omar senza chitarra gioca con synth e xilofono, Marcel al mellotron, Ximena gioca a fare Bjork, gran lavoro di Elvin Estela alias Dj Nobody (qualcuno lo ricorderà aprire gli show europei dei Mars Volta nel 2005) alle basi e al basso: per chi scrive, probabilmente, il più godibile dell’annata, qui sotto il video di Polaridad;

Cizaña De Los Amores, registrato ad Amburgo, vede alternarsi alla voce Ximena Sariñana e Lisa Papineau (impegnata con Juan nei Big Sir di cui parliamo più avanti), oltre ai “soliti” Juan e Marcel.
Qui di seguito potete vedere le copertine degli album, opera di Sonny Kay (cliccateci su per ingrandirle):

Potete ascoltare e comprare gli album in formato digitale (e tutta la discografia di Omar Rodriguez-Lopez) nello questo, i dischi elencati sopra sono stati pubblicati tutti in vinile e cd tranne le due collaborazioni con Frusciante, disponibili solo in vinile e download digitale, anche se il cd di Omar Rodriguez-Lopez & John Frusciante verrà pubblicato a dicembre in Giappone (date un’occhiata qui e qui). Tychozorente e Cizaña De Los Amores sono pubblicazioni europee per cui potrebbe essere più conveniente dare un’occhiata a store come Amazon.co.uk o Hmv.co.uk.

Il prossimo disco di inediti di Omar dovrebbe essere Un Escorpion Perfumado di cui potete vedere la copertina, sempre opera di Sonny Kay:

Negli ultimi giorni la OR-L Productions ha confermato che Omar sarebbe di nuovo al lavoro con Zach Hill per dare un seguito a Cryptomnesia, disco pubblicato col nome El Grupo Nuevo De Omar Rodriguez-Lopez (Omar, Hill, Cedric Bixler Zavala, Jonathan Hischke, Juan Alderete) nel 2009. Si vocifera anche di un tour ma per avere più dettagli bisognerà aspettare.

. Infine, verrà pubblicato per il mercato giapponese (ma forse anche in USA) un “greatest hits” di Omar, con brani tratti dai suoi precedenti album e alcuni inediti. S’intitolerà Telesterion, sarà disponibile in doppio cd e quadruplo vinile, questa dovrebbe essere la copertina, risulta già in preordine qui e qui ma la pubblicazione potrebbe slittare.

Come noto, da diverso tempo l’attività di Omar comprende anche il cinema. Quest’anno, infatti, il suo film The Sentimental Engine Slayer è stato presentato al festival di Rotterdam e, da allora, è stato proiettato in vari festival in Europa, America e Oceania. È il primo film di Omar a esser proiettato pubblicamente (sembra ne abbia 6 o 7 finiti, tutti inediti), tuttavia ancora non è dato sapere quando verrà pubblicato in dvd. Pochi giorni fa, in una intervista, si è letto che un altro film, El Divino Influjo De Los Secretos potrebbe esser presentato al Sundance Festival il prossimo anno e un altro ancora Boiling Death Request (come un brano del suo album Se Dice Bisonte, No Bufalo del 2007) sarebbe in lavorazione a Guadalajara, in Messico. Di seguito, il trailer e due estratti da The Sentimental Engine Slayer:



Anche i Vato Negro, progetto parallelo di Juan Alderete, sono stati impegnati in alcuni shows. La band, inizialmente un duo con Juan al basso e Mathias Sherrod, già nei Crowded House, alla batteria, ha due dischi all’attivo (Heads e Bumpers, anche se il primo è di fatto irreperibile e il secondo contiene molti brani del primo) ma dall’anno scorso ha un lineup variabile, con Juan unico membro stabile (si ricorda nell’ottobre 2009 un concerto come Vato Negro con Juan, Omar e il batterista Gene Coye, chiamato all’ultimo per sostituire Thomas Pridgen, silurato dai Mars Volta solo poche ora prima dello show). Quest’anno, i Vato Negro si sono esibiti come duo o come trio, perlopiù, ancora, con Deantoni Parks alla batteria e Omar alla chitarra (e questa è stata definita come “formazione tipo” anche dalla OR-L Productions). Da ricordare, però, un concerto tenutosi il 17 giugno che ha visto riformata, per una sera soltanto, quella che è probabilmente la più rimpianta sezione ritmica dei Mars Volta ovvero Juan e Jon Theodore. Questo coinvolgimento del batterista d’origine haitiana, già nella band “madre” fino ai primi mesi del 2006, ha fatto sperare in suo reintegro in formazione. In realtà, giè in passato Jon aveva suonato con Juan in altre occasioni (a maggio, in una manifestazione a Los Angeles, si erano esibiti con il nome Trio De Dinero, assieme al chitarrista Alasdair Greene, suonando cover degli Zz Top) per cui tale concerto potrebbe intendersi solo come ennesima dimostrazione di amicizia tra i due. Jon, inoltre, è impegnato da un paio d’anni con il progetto One Day As A Lion, in duo insieme a Zack De La Rocha: negli shows successivi a quello con Theodore, i Vato Negro han suonato come duo Alderete-Parks aprendo proprio alcuni concerti dei One Day As A Lion. A luglio, invece, si sono esibiti al Fuji Rock, in Giappone come trio, con Omar, qui sotto potete vedere un video tratto dalla performance.

Il prossimo disco dei Vato Negro sarà pubblicato su Rodriguez-Lopez Productions/Sargent House ma non si hanno date certe. Nel frattempo, potete ascoltare e comprare il loro disco Bumpers, qui in formato digitale, qui in formato cd (d’importazione dal Giappone, essendo stato pubblicato solo là).

Quest’anno son tornati in azione anche i Big Sir, duo composto da Juan Alderete e Lisa Papineau. Il duo ha suonato a febbraio nell’ambito di una mostra di opere di Sonny Kay (più in basso potete vedere un video dell’esibizione), ha aperto uno show degli RX Bandits a settembre e solo pochi giorni fa si ` esibito in una serata organizzata da Bass Player Magazine. Per l’occasione, Juan e Lisa hanno diviso il palco con Matt Embree e Chris Tsagakis degli Rx Bandits. A dicembre, dovrebbero esibirsi in uno show acustico a Los Angeles. C’è curiosità anche per il loro prossimo lp poiché alla batteria dovrebbe suonare Cedric Bixler Zavala. Ma anche per questo disco non si hanno ulteriori notizie.

Ikey Owens è al momento in tour in USA con i suoi Free Moral Agents, la band potrebbe esibirsi in Europa a febbraio per promuovere il nuovo album Control This, pubblicato di recente, sei anno dopo l’esordio. Potete ascoltarlo sul sito ufficiale della band e acquistarlo su Itunes. Qualche mese fa la band aveva già pubblicato un 10″ con il brano North Is Red remixato da Tony Allen e un disco dal vivo, Live At The Prospector, acquistabili qui. Ed eccovi un mini-documentario sulla band realizzato dallo stesso Ikey:

Infine, per il 2011, è atteso il secondo lp degli Zechs Marquise, band in cui militano Marcel Rodriguez-Lopez e suo fratello Marfred, eccovi un video da un loro show di qualche mese fa:

Come al solito, vi consigliamo di seguire il nostro forum, vi troverete, fra l’altro, anche alcuni buoni bootleg recenti di Omar Rodriguez-Lopez Group e Vato Negro.
A presto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

  • Aggiornamenti del sito

    20/02/2015

    Il sito è ora perfettamente ottimizzato per la navigazione da dispositivi mobili (smartphone e tablet).

    12/02/2014

    N.B.: per una più corretta visualizzazione del sito (oltre che sicurezza nella navigazione) consigliamo fortemente coloro che hanno sistemi operativi come Windows XP o Windows Vista di utilizzare le ultime versioni a disposizione di Mozilla Firefox,Google Chrome,Safari o Opera invece di Internet Explorer 6-7-8-9, grazie!

    1/02/2014

    Aggiunta scheda Amputechture sezione Discografia->Album.

    1/11/2012

    Aggiunta scheda sui Bosnian Rainbows in Altri Progetti.

    5/7/2012

    Aggiunta la scheda su Frances The Mute nella sezione Album

    22/4/2012

    Aggiunte le pagine Tremulant e De-Loused in the Comatorium rispettivamente nella sezione EP e in Album

    15/ 4/ 2012:

    Per celebrare il ritorno degli At The Drive-In (anche se la rentrée vera e propria è avvenuta già la scorsa settimana) ecco una corposa biografia, la pagina sarà aggiornata in seguito con discografia e altre info.

    (leggi tutto)

  • Archivi

  • Categorie

  • Spot

Facebook